Blog

Università: come aiutare (veramente) i figli a scegliere

Università: come aiutare i figli a scegliere

 

Una volta finita la scuola le strade che si pongono davanti ai nostri figli, in genere, sono tre: Università, Istituti di Formazione Professionalizzante, Lavoro.
E se l’immediata full immersion all’interno del mondo del lavoro comporta una nuova visione, un nuovo stile di vita per i ragazzi, ed è quindi fondamentale trovare un ambiente favorevole per sviluppare le proprie attitudini, lo altrettanto il fatto che l’iscrizione a Università o Istituti Professionalizzanti è una scelta da compiere con la massima ponderazione non solo per gli sbocchi e l’utilità che può dare, ma anche per effettivamente cercare la strada più appagante e che può portare più felicità.

Colloquio di lavoro: domande a trabocchetto e trucchi del mestiere.

Colloquio di lavoro: domande a trabocchetto e trucchi del mestiere

 

Il cuore batte all’impazzata? Stai sudando da quando ti sei svegliato? Ti ripeti nella tua mente continuamente i tuoi punti di forza e le tue competenze? No, non è il caso di chiamare un medico, forse stai semplicemente andando incontro ad un colloquio di lavoro!

E se è vero che è illusorio pensare che non ci sia un minimo di nervosismo prima della interview davanti al selezionatore, lo è altrettanto che ci si può preparare al meglio grazie all’utilizzo di alcuni trucchi, tra i quali sapere quali sono alcune delle domande più frequenti proposte dall’intervistatori.

Le figure che trovano più lavoro? La risposta è nel Web

Le figure che trovano più lavoro? La risposta è nel Web

 

“Scegli il lavoro che ami e non lavorerai nemmeno un giorno nella tua vita”.
Mai frase fu più veritiera, certo, ma se da un lato è sempre più competitivo ed in via di evoluzione il mercato del lavoro dall’altro è vero che spesso il settore di riferimento per possibili sbocchi professionali si sta restringendo sempre di più ad uno: il digitale.

Istruzione e lavoro: quali competenze per le nuove generazioni?

Istruzione e lavoro: quali competenze per le nuove generazioni

 

Tra 30 anni saremo completamente sostituiti da robot?
Tutto può essere, l’Intelligenza Artificiale sicuramente sta cominciando a dare indicazioni emblematiche riguardo ai nuovi ruoli lavorativi ed allo smaltimento di impieghi che andranno inevitabilmente a ridefinirsi, ma se da un lato si intravede lo spettro della concorrenza dell’IA, dall’altro ci sono delle cose che gli automi non possono fare, quelle in cui è ancora indispensabile il ‘tocco umano’.

Diploma ed occupazione: ecco cosa ci aspetta

Cosa ci aspetta dopo il diploma

 

“L’apprendimento è un tesoro che seguirà il suo proprietario ovunque.” dice un antico proverbio cinese, sottolineando con illuminata chiarezza l’importanza dello studio nel percorso di vita personale, ma se questo tesoro consente di avere basi conoscitive che aumentano il patrimonio di conoscenze dell’individuo allo stesso tempo quanto serve in ambito lavorativo avere una preparazione post diploma mirata?

Partiamo dai dati.

Come si fa il Curriculum, ecco cosa devi sapere!

Come si fa il Curriculum

 

È il vero "biglietto da visita" di coloro che cercano un lavoro e dunque deve essere particolarmente curato, anche nella sua semplicità. 

Il curriculum-vitae rappresenta il primo impatto del candidato con il selezionatore, con la sintesi della propria vita professionale, ed in parte anche di quella personale.

Scrivendo il testo, poniamoci sempre dal punto di vista di chi lo leggerà, quasi facendo l'avvocato del diavolo: chi seleziona ha avuto una giornata molto intensa, è tardo pomeriggio e il vostro è il 49° curriculum dei 50 che sta leggendo.

10 regole per un buon colloquio di selezione

10 regole per un buon colloquio di selezione

 

La “filosofia” delle selezioni per assunzioni in azienda:

si è sempre più attenti a “chi è” il candidato rispetto a “quanto sa” sotto il profilo mnemonico.

Ma quindi, come come prepararsi?

Non su testi accademici, ma con una preventiva ricognizione sui propri caratteri distintivi e sulle esperienze professionali, senza escludere alcunché, anche quelle ritenute di scarsa rilevanza specialistica. Infatti, in particolare per i più giovani, i primi guadagni occasionali hanno un’influenza psicologica importante.